Musica Italiana


Quest'e` una pagine dedicato alla Musica Italiana per i tuoi

divertimento!

                   Colorful train cartoon by William Kirk Kennedy       

ALLERIA

CORE'NGRATO

FENESTA VASCIA

FUNICULÌ, FUNICULÀ

IL MAESTRO DI VIOLINO

'O MARENARIELLO

MARECHIARE

MARIA MARI'

MATTINATA

OCCHI DI RAGAZZA

'O PAESE D' 'O SOLE

PECCHE?

PISCATORE 'E PUSILLECO

SANTA LUCIA

'O SOLE MIO

'O SURDATO 'NNAMMURATO

TI AMO

TORNA A SURRIENTO

TU, CA NUN CHIAGNE!

'A VUCCHELLA

C'È LA LUNA

EH CUMPARI

SCIURI, SCIURI

SI MARITAU ROSA

VITTA NA CROZZA

 

 

CORE'NGRATO

Core 'ngrato

Catari, Catari, pecche me dici sti parole amare,

Pecche me parle a 'o core me turmiente, Catari?

Nun te scurda' ca t'aggio date 'o core,

Catari', nun te scurda'!

Catari, Catari, che vene a dicere stu parla'

ca me da'spaseme?

Tu nun'nce pienze a stu dulore mio,

tu nun'nce pienze, tu nun te ne cure,.

Core, core 'ngrato,

t'aie pigliato 'a vita mia,

tutt'e' passato e nun'nce pienze chiu'!

CORE'NGRATO

Catari, Catari, why do you address me only with bitter words?

Why do you speak to me only to torment me, Catari?

Do not forget that I once gave you my heart,

Catari, don't forget it!

Catari, Catari, why do you pretend?

Don't make me suffer agonies"

l You never think of this pain of mine,

you never think of it,you don't care!

Ungrateful heart, you took possession of my life,

and now it's over, you no longer think of me.

TORNA A SURRIENTO

Vide 'o mare quant'e' bello,

Spira tantu sentimento,

Comme tu a chi tiene mente,

Ca scetato 'o faie sunna'.

Guarda, gua', chistu ciardino,

Siente, sie' sti sciuri arance:

Nu profumo accussi fino

Dinto 'o core se ne va...

E tu dice: "I' parto, addio!"

T'alluntane da stu core...

Da sta terra de I'ammore...

Tiene'o core 'e nun turna?

Me nun me lassa',

Nun darme stu tumiento!

Torna a Surriento, famme campa'!

TORNA A SURRIENTO

Look at the sea, how beautiful it is,

inspiring many sentiments --

as do your softly spoken word,,

which make me dream all day.

See how this light breeze

comes from the garden,

bringing the scent

of oranges,

a fragrance without parallel

for one whose heart is full of love!

And you say: I am leaving, farewell'!

You would flee my heart,

this land of love ---

how can you leave it behind?

Don't go away,

do not torture me any more!

Come back to Sorrento,

and do not let me die!

OCCHI DI RAGAZZA

(Gianni Morandi)

Occhi di ragazza quanti cieli, quanti mari che mi aspettano.

Occhi di ragazza se vi guardo pero i sogni che faro.

Porti da noi insieme per un viaggio per citta che non conosco.

Tante Primavere che verranno, che felici ci faranno, sono gia negli occhi tuoi.

Occhi di ragazza io vi parlo con i silenzi dell'amore, e riesco a dire tante cose che la bocca non dira. Quando ti risvegli la mattina tutto il sole nei tuoi occhi. Quando si notte nella notte nei tuoi occhi ce una luce che mi porta fino a te. Un giorno in loro scopriro quello che tu nasconderai. Occhi di ragazza questo viaggio prima o poi sara finito, una spiaggia vuota senza mare io dovro vedere in voi. Occhi di ragazza quanto male mi farete perdonare. L'aqua di una lacrima da Dio sara lultimo regalo che da voi ricevero, l'aqua di una lacrima da Dio sara lultimo regalo che da voi ricevero.

TI AMO

(Umberto Tozzi)

Ti amo, un soldo ti amo, in aria ti amo, se viene testa voldire che basta lasciamoci, ti amo, io sono ti amo, in fondo un uomo che non ha freddo nel cuore nel letto commando io, ma tremo davanti a tuo seno, ti odio e ti amo, e una farfalla che muore sbattendo le ali l'amore che all'etto si fa prendimi l'altra meta, oggi ritorno da lei, primo maggio. sul coraggio io, ti amo e chiedo perdono, ricordi chi sono, apri la porta a un guerrireo di carta igenica, e dammi il tuo vino leggero che hai fatto quando non c'ero, e le lenzuola di lino. Dammi il sonno di un bambino che ha sogna cavalli e si gira e un po di lavoro, fammi abbracciare una donna che stira cantando e poi fatti un po prendere in giro, prima di fare l'amore, vesti la rabbia di pace, le sottane sulla luce io, ti amo e chiedo perdono, ricordi chi sono, ti amo ti amo ti amo ti amo ti amo, dammi il tuo vino leggero che hai fatto quando non cero, e lenzuola di lino, dammi il sonno di un bambino che ha sogna, cavalli e si gira, e un po di lavoro. Fammi abbracciare uns donna che stira cantando e poi fatti un po prendere in giro prima di fare l'amore, vesti la rabbia di pace, le sottane sulla luce, io ti amo, ti amo ti amo ti amo ti amo.

  Mattinata

L'aurora di bianco vestita

Gia' l'uscio dischiude al gran sol

Di gia con le rose sue dita

Carezza de fiori lo stuol

Commosso da un fremito arcano

Intorno il creato gia par

E tu non ti desti, ed in vano

Mi sto qui dolente a cantar

Metti anche tu la veste bianca

e schiudi l'uscio al tuo cantor

Ove non sei la luce manca

Ove tu sei nasce l'amor

 

Il Maestro di Violino

by Domenico Modugno

Allora, e' pronte Signorina?

Si, maestro.

Correga la posizione dell'archetta.

Bene cosi.

Fa

La Mi

Re Mi Fa

Attenzione a me.

Mi scusa.

So

Si Fa

So La Si

La Si Do La Fa

Che cosa mi sta sucedendo?

Una tenereza che,

io non ho provato mai

Lo so che mi stai inamorando?

ma non ho il corragio di confessarlo neanche a me

inamorato di te

ed ho trent'anni di piu

Tu, perche, guardi me, hai capito gia

io vorrei dirti che, forse tu lo sai

un bene segreto profondo, una cosa dolce che

io nascondo dentro me

l'amore piu grande del mondo

nato troppo tardo ormai per un uono come me

inamorato di te, ed ho trent'anni di piu'.

Bene, allora ci vediamo dopo domani? Signorina?

No, maestro.

Giovedi allora?

No, maestro. Non verro piu'.

Hai deciso di non continuare di studiare?

No, maestro.

Ma perche' allora? Perche', sono inamorato di Lei.

 

C'È LA LUNA

 

C'è la luna a menzu 'u mare
mamma mia me maridare.
Ficchia mia chiu da dare
Mamma mia pensaci tu.

Se ti do un pescatore
iddo va, iddo viene
sempre il pesce in mano tiene.
Se ti capa la fantasia
te pescialia figliuzza mia.

La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la va zappa se vo mangià.

C'è la luna a menzu 'u mare
mamma mia me maridare.
Ficchia mia chiu da dare
Mamma mia pensaci tu.

Se ti do un giardiniere
Iddo va, iddo viene
sempre la spada in mano tiene.
Se ti capa la fantasia
Te spadolia figliuzza mia.

La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la va zappa se vo mangià.

C'è la luna a menzu 'u mare
mamma mia me maridare.
Ficchia mia chiu da dare
Mamma mia pensaci tu.

Se ti do uno barbiere
iddo va, iddo viene
lu razoio in mano tiene.
Se ti capa la fantasia
te razolia figliuzza mia.

La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la va zappa se vo mangià.

C'è la luna a menzu 'u mare
mamma mia me maridare.
Ficchia mia chiu da dare
Mamma mia pensaci tu.

Se ti do un muratore
iddo va, iddo viene
la cazzula in mano tiene
Se ti capa la fantasia
te cazzolia figliuzza mia.

La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la pesce fritto e baccalà
La, la, la va zappa se vo mangià.
 
EH CUMPARI

 

Eh Cumpari, ci vo sunari Chi si sona? U friscalettu.
E comu si sona u friscalettu?
u friscalette, tipiti tipiti tam.

E cumpari, ci vo sunari. Chi si sona? U saxofona,
E comu si sona u saxofona? Tu tu tu tu u saxofona
u friscalette, tipiti tipiti tam.

E cumpari, ci vo sunari.  Chi si sona? U mandolinu.
e comu si sona u mandolinu? a plig a plin, u mandulin, 
tu tu tu tu u saxofon
u friscalette, tipiti tipiti tam.

E cumpari, ci vo sunari? Chi si sona? u viulinu.
E comu si sona u viulinu? A zing a zing, u viulin, 
a pling a pling, u mandulin
tu tu tu tu u saxofon
u friscalette, tipiti tipiti tam.

E cumpari, ci vo sunari? Chi si sona? a la trumbetta.
e comu si sona a la trombetta? Papapapa a la trumbetta, 
A zing a zing, u viulin, 
a pling a pling, u mandulin
tu tu tu tu u saxofon
u friscalette, tipiti tipiti tam.

E compari, ci vo sunari? Chi si sona? a la trombona.
e comu si sona a la trombona. A fumma a fumma a la trombona,
Papapapa a la trumbetta, 
A zing a zing, u viulin, 
a pling a pling, u mandulin, 
tu tu tu tu u saxofon
u friscalette, tipiti tipiti tam.
SCIURI, SCIURI

 

Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

Lu sabutu si sapi allegra cori,
beatu cu avi bedda la mugghieri,
cu l'avi bedda ci portai i denari,
cu l'avi brutta ci morì lu cori.

Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

Si troppu dispittusa tu cu mia,
ca scutu 'n letto su mi 'insonnu a tia.
Si brutta n'ta la faccia a n'ta lu cori
amara cu ti pigghia pi mughieri.

Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.

Sciuri di rosi russi a lu sbucciari,
amaru l'omo ca fimmini cridi,
amara cu si fa supraniari,
l'uscio di paradisu non ni vidi.

Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
Sciuri, sciuri, sciuri di tuttu l'annu
l'amuri ca mi dasti ti lu tornu.
La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, la.
SI MARITAU ROSA

 

Vinni la primavera
li mennuli su n'ciuri
ed iu, capu d'amuri, lu cori m'avvampò.
L'acciddi s'assicutano, facennu discurseddi
maria chi sunnu beddi, si vonnu marità.

Si maritau Rosa, Saridda e Pippinedda,
ed iu, ca sugnu bedda,
mi vogghiu marità.

Tegnu la porta aperta, la mettu a padiduzza,
ed iu, ca suu nicuzza, mi mettu a lacrimà.
Ormai tra pegni e lacrimme
trascurri la mi vita,
mi vogghiu fari zita, mi vogghiu marità.

Si maritau Rosa, Saridda e Pippinedda,
ed iu, ca sugnu bedda,
mi vogghiu marità.

Ora chi persi tutti
tutti quanti li speranzi
mi chiuu na stu cunventu, e nun ci pensu chiù.
Chista è la storia tristi di na bellezza rara
chi nun truvan maritu ebbi la vita amara.

Si maritau Rosa, Saridda e Pippinedda,
ed iu, ca sugnu bedda,
mi vogghiu marità.
VITTI NA CROZZA

 

La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.

Vitti na crozza supra nu cantuni
e cu sta crozza mi misi a parlari.
Idda m'ha rispunniu cu gran duluri
iu' mossi senza toccu di campani.

La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.

Prestu passanu tutti li me anni.
Passano e si ni ienu un sacciu unni.
Ora cha sugnu vecchiu di tant'anni
chiamu la crozza e nuddu m'ha rispunni.

La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.

Chinnaia a fari chiù di la me vita.
Non sugnu bono ciuù mi travagghiari.
Sta vita è fatta tutta di duluri
e da cussì non vogghiu chi` campari.

La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.

Cunzatimi cu ciuri lu me lettu.
Picchi' aalla fine già sugnu arriduttu.
Vinni lu tempu di lu me rizzettu.
Lassu stu beddu munnu e lassu tuttu.

La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
La la la leru lala la la leru lala la la leru la la la la la.
ALLERIA

 

Nui simmu nati cu doie camise
chi campa a Napole sta in Paradise
e nui ca faccia doce e ammare in pietto
cantammo sta canzone pe' dispietto

cu tricci e ballacchi
cu a cacca vella
cu scete pajasse
e o puti pu.

co o sole, co mare, co a fantasia
chisto è o paese dell'alleria.

Alleria, Alleria, Alleria
entrattenite i sciuri into giardino
scusate se dal vostro panorama
vidite panni e appisi,
na pezza e na camisa
na tuta e na suttana.

e niu ca faccia doce e ammaro in pietto
cantammo 'sta canzone pe' dispietto.

cu tricci e ballachhi
cu a cacca vella
cu scete pajasse
e o puti pu.

co o sole, co mare, co a fantasia
chisto è o paese dell'alleria.


Alleria, Alleria, Alleria
vui ca durmite astritto cu Maria
scusate ma chi va strignite affa'
si tene l'uocchiochiuso
vo dicere del mio core
vola do' primo ammore

e niu ca faccia doce e ammaro in pietto
cantammo 'sta canzone pe' dispietto.

cu tricci e ballachhi
cu a cacca vella
cu scete pajasse
e o puti pu.

co o sole, co mare, co a fantasia
chisto è o paese dell'alleria.

Alleria, Alleria, Alleria
a Roma ha protestato na cambiale
tengo sulu a chitarra pe' paga'
che va pigliate affa'
se nun tinite core
non site sonnatore.

e niu ca faccia doce e ammaro in pietto
cantammo 'sta canzone pe' dispietto.

cu tricci e ballachhi
cu a cacca vella
cu scete pajasse
e o puti pu.

co o sole, co mare, co a fantasia
chisto è o paese dell'alleria.


Alleria, Alleria, Alleria
miraculi li fanno sulu e santi
no, nunn'e' o vero
è sacciu far pur io
do jorni che non mangio
e sun contento e canto
embe; pur'io so' santo.

e niu ca faccia doce e ammaro in pietto
cantammo 'sta canzone pe' dispietto.

cu tricci e ballachhi
cu a cacca vella
cu scete pajasse
e o puti pu.

co o sole, co mare, co a fantasia
chisto è o paese dell'alleria.
FENESTA VASCIA

 

Fenesta vascia, e padrona crudele,
quanta sospire m'aje fatto jettare.
M'arde so core comm'a na cannela,
bella a quanno te sento annomenare.
Oje piglia la sperienza de la neve.
La neve è fredda a se fa maniare.
E tu comme si tant' aspra e crudele?
Muorto mme vide e non mme vuò 'jutare.

Vorria arreventare no picciuotto
Co na lancella a ghire vennenno acqua,
Pe mme nne ì da chiste palazzuotte:
Belle femmene jije, a chi vò acqua?
Se vota na nennella da la 'ncoppa.
Chi è sto ninno che va vennenno acqua?
Ed io responno co parol' accorete.
Son lagreme d'ammore, non è acqua.
FUNICULÌ, FUNICULÀ

 

Jammo, jammo, jammo, jammo jà.
Jammo, jammo, ncoppa, jammo ja.
Funiculì funiculà funiculì funiculà
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.

Aissera, Nanninè, me ne sagliette,
tu saie addò
tu saie addò.
Addò, sto core ngrato chiù di spiete;
Farme non pò
Farme non pò.
Addò, llo fuoco coce ma si fuje
Te lasso stà
Te lasso stà.
E non te corre appriesso, non te struje,
Sulo a guardà
Sulo a guardà.

Jammo, jammo, jammo, jammo jà.
Jammo, jammo, ncoppa, jammo ja.
Funiculì funiculà funiculì funiculà
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.

Jammo, jammo, jammo, jammo jà.
Jammo, jammo, ncoppa, jammo ja.
Funiculì funiculà funiculì funiculà
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.

Se n'è sagliuta, oïe Nè, se n'è sagliuta,
La capa già
La capa già.
E ghiuta, pò è tornata, e po' è venuta
Sta sempe ccà
Sta sempe ccà
La capa vota vota attuorno, attuorno,
Attuorno a te,
Atturono a te.
Llo core canta, sempe no taluorno,
Sposammo, oïe Nè!
Sposammo, oïe Nè!

Jammo, jammo, jammo, jammo jà.
Jammo, jammo, ncoppa, jammo ja.
Funiculì funiculà funiculì funiculà
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.

Jammo, jammo, jammo, jammo jà.
Jammo, jammo, ncoppa, jammo ja.
Funiculì funiculà funiculì funiculà
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.
ncoppa jammo jà, funiculì funiculà.
'O MARENARIELLO

 

Oie nè, fa priesto, viene,
nun me fa spantecà,
ca pure 'a rezze vene
ch'a mmare sto a menà.

Meh, stienne sti braccelle,
aiutam' a tirà,
ca stu marenariello
te vo' sempre abbraccià.

Vicin' 'o mare
facimmo ammore,
a core a core
pe' nce spassà.
So' marenare
e tiro 'a rezza,
ma p'allerezza
stongo a murì.

Oie n`, i' tir' 'a rezza
e tu statt' a guardà,
li pisce p' 'a priezza
comme stann' a zumpà.

E vide, pur' 'e stelle
tu faie innammurà,
ca stu marenariello
tu faie suspirà.

Vicin' 'o mare
facimmo ammore,
a core a core
pe' nce spassà.
So' marenare
e tiro 'a rezza,
ma p'allerezza
stongo a murì.
MARECHIARE

 

Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fann' a l'ammore,
se revotano l'onne de lu mare,
pe la priezza cagneno culore
quanno sponta la luna a Marechiare.

A Marechiare nce sta na fenesta,
pe' la passione mia nce tuzzulea,
nu carofano adora int'a na testa,
passa l'acqua pe sotto e murmuléa,
A Marechiare nce sta na fenesta
Ah! Ah!
A Marechiare, a Marechiare,
nce sta na fenesta.

Chi dice ca li stelle so lucente
nun sape l'uocchie ca tu tiene nfronte.
Sti doje stelle li saccio io sulamente.
dint'a lu core ne tengo li ponte.
Chi dice ca li stelle so lucente?

Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P'accompagnà li suone cu la voce
stasera na chitarra aggio portato.
Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
Ah! Ah!
O scetate, o scetate,
scetate, Carulì, ca l'area è doce.
MARIA MARI'

 

Aràpete fenesta
famm' affaccià a Maria,
ca stongo mmiez' 'a via
speruto p' 'a vedè.

Nun trovo n'ora 'e pace
'A nott' 'a faccio juorno,
sempe pe st ccà attuorno
speranno 'e ce parlà!

Oj Mari', oj Mari'!
Quanta suonno ca perdo per te!
Famm' addurmì
abbracciato nu poco cu te!
Oj Marì, oj Marì!
Quanta suonno ca pero pe' te!
Famm' addurmì,
Oj Mari', oj Mari'!

Pare ca già s'arape
na senga 'e fenestella
Maria ca na manella
nu segno a me me fa!

Sona, chitarra mia!
Maria s' è scetata
Na bella serenata
facimmela sentì!

Oj Mari', oj Mari'!
Quanta suonno ca perdo per te!
Famm' addurmì
abbracciato nu poco cu te!
Oj Marì, oj Marì!
Quanta suonno ca pero pe' te!
Famm' addurmì,
Oj Mari', oj Mari'!
'O PAESE D' 'O SOLE

 

Ogge stò tanto allero
ca, quase quase me mettesse a chiagnere pe' sta felicità.
Ma è vero o nun è vero ca so' turnato a Napule?
Ma è vero ca sto ccà?
'O treno stava ancora int' 'a stazione
quanno aggio 'ntiso 'e primme manduline.

Chisto è 'o paese d' 'o sole,
chisto è 'o paese d' 'o mare,
chisto è 'o paese addò tutt' 'e pparole,
sò doce o sò amare,
sò sempre parole d'ammore.

Tutto, tutto è destino
Comme, putevo fà furtuna all'estero s'io voglio campà ccà?
Mettite a frisco 'o vino, tanto ne voglio vevere
ca m'aggia 'nbriacà.
Dint' a sti quatte mura io sto cuntento.
Mamma me sta vicino, e nenna canta.

Chisto è 'o paese d' 'o sole,
chisto è 'o paese d' 'o mare,
chisto è 'o paese addò tutt' 'e pparole,
sò doce o sò amare,
sò sempre parole d'ammore.
PECCHE?

 

Canta l'auciello dint' 'a casa antica
Addò, primme, cantave pure tu.
E sento pure a voce en'ata amica
Ca me cunziglia 'e nun te penzà cchiù!
Carmè
S'aggio lassato a mamma mia pe te;
Si t'è pigliat' a primma giuventù,
Pecche
Non tuorne a me?

E pass' 'a notta, pass' 'o juorn 'e sera,
Ma stu turmiento mio nun vo' passà.
Passa pure sta luna ca è sincera
Se me cunziglia sempre 'e te scurdà.
Carmè,
S'aggio lassato a mamma mia pe te;
Si t'è pigliat' a primma giuventù,
Pecche
Non tuorne a me?
PISCATORE 'E PUSILLECO

 

Piscatore 'e 'stu mare 'e Pusilleco
ch'ogne notte me sient' 'e cantà,
piscatò sti pparole so' llagreme
pe' Maria ca luntana me stà!

Dorme 'o mare, voca, voca!
Tutto è pace attuorno a mme.
Ma pecchè, ma pecchè m'ha lassato,
mentr'io more, stanotte, pe' tte?

Zitto, oi core, ca 'nterra Pusilleco,
veco n'ombra ca segno me fa.
'Na manella e 'na voce me chiammano,
fra 'sti bbraccia Maria vo' turnà.

Dorme 'o mare...Oi bella viene!
Ncielo e luna saglie e va.
Vita mia! Vita mia, me vuoi bene?
Ca si è suonno, nun farme scetà!
Dorme 'o mare...Voca, vo!
SANTA LUCIA

 

Sul mare luccica
L'astro argento,
Placida è l'onda,
Prospero è il vento,
Venite all'agile
Barchetta mia.
Santa Lucia
Santa Lucia.

Con questo zeffiro
Così soave,
Oh, com'è bello
Star su la nave.
Su passaggieri,
Venite via.
Santa Lucia
Santa Lucia.

O dolce Napoli
O suol beato,
Ove sorridere
Volle il creato,
Tu sei l'impero
Del armonia.
Santa Lucia,
Santa Lucia.

Or che tardate?
Bella è la sera,
Spira un auretta
Fresca e leggera.
Venite all'agile
Barchetta mia.
Santa Lucia
Santa Lucia.
'O SOLE MIO

 

Che bella cosa 'na iurnata 'e sole,
n'aria serena doppo 'na tempesta.
Pe' llaria fresca pare già 'na festa
Che bella cosa 'na iurnata 'e sole.

Ma n'atu sole
cchiù bello, ojè,
'o sole mio
sta nfronte a te.
O sole, 'o sole mio,
sta nfronte a te,
sta nfronte a te.

Quanno fa nott' e 'o sole se ne scenne,
mme vene quase 'na malincunia,
sotto 'a fenesta toia restarria,
quanno fa nott' e 'o sole se ne scenne.

Ma n'atu sole
cchiù bello, ojè,
'o sole mio
sta nfronte a te.
O sole, 'o sole mio,
sta nfronte a te,
sta nfronte a te.

'O SURDATO 'NNAMMURATO

 

Staja luntana da stu core
e a te volo cu' 'o penziero'
niente voglie e niente spero
ca tenerte sempre affianco a me.
Si' sicura 'e chist'ammore
comm' i so'securo 'e te.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.

Quanta notte nun te veco,
nun te siento in fra sti braccia,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astrengo forte mbraccio a me?
Ma, scetannomi 'a sti suonne,
me faj chiagnere per te.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.

Scrive sempre e sta' cuntenta,
io nun penzo che a te sola.
nu penziero mme cunzola
ca tu pienze sulament' a me.
'Acchiù bella 'e tutt' 'e belle
nun è maj cchiù bella e' te.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.

Oj vita, oj vita mia,
oj core 'e chisto core,
st stato 'o primm 'ammore,
'o primmo e il ultimo sarrà pe' me.
TORNA A SURRIENTO

 

Vide 'o mare quant'è bello.
Spira tantu sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
Ca scetato 'o faie sunnà.
Guarda, gua', chisto ciardino.
Siente, sie' sti sciure arance,
Nu profumo accussì fino
Dinto 'o core se ne va.

E tu dice: "I' parto, addio!"
T'alluntane a stu core,
Da sta terra de l'ammore
Tiene 'o core 'e nun turnà?
Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!

Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno,
Chie ha girato tutto 'o mummo
Nun l'ha visto comm'a ccà.
Guarda attuorno sti Sserene,
Ca te vonno tantu bene
Te vulessero vasà.

E tu dice: "I' parto, addio!"
T'alluntane a stu core,
Da sta terra de l'ammore
Tiene 'o core 'e nun turnà?
Ma nun me lassà,
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!
TU, CA NUN CHIAGNE!

 

Comm'è bella a muntagna stanotte
bella accussi nun l'aggio vista maie!
'N'anema pare rassignata e stance
sotto cuperta 'e chesta luna janca.

Tu che nun chiagne e chiagnere me faie,
tu, stanotte addò staie?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist' uocchie te vonno
n' ata vota vedè!

Comm'è calma 'a muntagna stanotte
cchiù calma 'e mo nun l'aggio vista maie!
e tutto dorme, tutto dorme o more,
e i sulo viglio, per chè veglia Ammore.

Tu che nun chiagne e chiagnere me faie,
tu, stanotte addò staie?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist' uocchie te vonno
n' ata vota vedè!
'A VUCCHELLA

 

Sì, comm' a nu sciorillo
tu, tiene na vucchella
nu poco pocorillo
appassuliatella.

Meh, dammillo, dammillo,
è comm'a na rusella.
dammillo nu vasillo,
dammillo, Cannetella.

Dammillo e pigliatillo,
nu vaso piccerillo
comm'a chesta vucchella,
che pare na rusella
nu poco pocorillo
appassuliatella.

Sì, tu tiene na vucchella
nu poco pocorillo
appassuliatella.