PUNTUALITA'                                        

(Siciliano)

Canusciu 'n omu ca non è puntuali

si dici a l'ottu veni e novi e menza

e si u ritardu ci lu fai nutari

dici c'aveva cosi di sbricari.

Quannu pi casu duna appuntamento ti dici:

<<U tempu di la strata e sugnu 'ndocu>>

e tu ci criri poviru mischinu!

Ma pi iddu lu riloggio

è ferru vecchiu,

l'avi a lu pusu

ma mancu lu talia,

si ferma a leggiri i giurnali

davanti a l'ediculi fistanti,

si gira, si rivota,

perdi tempu,

'ncontra 'n amicu e...

parra... parra...parra...

poi finammenti arriva cunfunnutu

e dici:

<<Sapissi li cosi caiu sbricatu!>>

N'avota ci crideva a sta sunata,

ma, a stissa musica, prestu o

taddu, annoia

e ora ca canusciu a stu suggettu

a l'ura stabilita si non veni...

... mi ni vaiu avanti e non l'aspettu.

(Italiano)

Conosco un uomo che non è puntuale

se dice alle otto viene alle nove e mezza

e se il ritardo glielo fai notare

dice che aveva cose da sbrigare.

Quando per caso dà un appuntamento ti dice:

<<Il tempo della strada e sono lì>>

e tu ci credi poveretto!

Ma per lui l'orologio

è ferro vecchio,

lo tiene al polso

ma nemmeno lo guarda,

si ferma a leggere i giornali

davanti alle edicole festanti,

si gira, si rigira,

perde tempo,

incontra un amico e...

parla... parla...parla...

poi finalmente arriva confuso

e dice:

<<Sapessi le cose che ho sbrigato!>>

Una volta ci credevo a questa suonata,

ma, la stessa musica, presto o

tardi, annoia

e ora che conosco questo soggetto

all'ora stabilita se non viene...

... me ne vado avanti e non l'aspetto.

Rosetta Di Bella